La Primula Palinuri - il fiore simbolo del Parco Nazionale del Cilento e del Vallo di Diano
Il logo del Parco Nazionale del Cilento e del Vallo di Diano
Le ciaramelle

Il territorio del Parco Nazionale del CilentoLe aree protette del Parco Nazionale del CilentoI musei del Parco Nazionale del CilentoSiti Archeologici del Parco Nazionale del Cilento e del Vallo di DianoItinerari del Parco nazionale del CilentoFlora del Parco Nazionale del CilentoFauna del Parco Nazionale del CilentoFigli e ospiti illustri del CilentoStoria del Parco Nazionale del CilentoMiti e leggende del Parco nazionale del CilentoProdotti tipici del CilentoRicette del CilentoTradizioni del Parco Nazionale del Cilento

La leggenda della regina verde

Quando i Saraceni sbarcarono ad Agropoli, portarono con sé un' unica donna che era figlia del loro capitano. Essi divennero subito i padroni assoluti di tutto il territorio circostante.

Il comandante dell’orda non aspettò molto a far incoronare se stesso re e sua figlia regina di Agropoli .

Questa donna era bellissima. Era singolare solo nel colore del volto, che era verde.

Dopo averla vista a volto scoperto, i pescatori del luogo ed i contadini la chiamarono “la Regina verde”. La donna rispondeva a tutti i corteggiatori con un netto rifiuto. Niente riusciva a far apparire sul suo volto un solo sorriso.

Un giorno, ninfa marinaperò, mentre costeggiava il mare lungo Trentova ,vide un giovane pescatore che a forza di braccia traeva a riva la sua rete piena di pesci. La Regina verde, incuriosita,si avvicinò al pescatore.

Dopo aver dato un furtivo sguardo alla pesca, la regina si pose di nuovo a cavallo e ritornò al castello.

Il suo rango non le permetteva di dare confidenza a un saraceno umile marinaio.

All’alba del giorno seguente,la giovane si recò di nuovo a Trentova in groppa al suo cavallo e qui rivide il bel pescatore al quale chiese il nome. Da quel giorno tra i due nacque l’amore e il tempo trascorreva tra corse a cavallo e romantiche passeggiate lungo la riva del mare. I ntanto l’incarnato della fanciulla diventava roseo.

Giunse l’inverno e la regina raggiungeva la capanna del pescatore aspettandolo accanto al fuoco acceso. Un brutto giorno il giovane non tornò:una tempesta lo aveva ucciso . Disperata,la fanciulla attese il suo amato per tre giorni e tre notti, quando capì che non sarebbe più ritornato rientrò al castello e si gettò dalla rupe per raggiungere il suo amore. Il

Il dio del mare ebbe pietà di lei e la tramutò in una ninfa che, da quello che narrano i pescatori, ancora oggi vive in una grotta sotto il promontorio. Quando il mare è in tempesta i gemiti della regina,disperata per la morte del suo giovane marinaio,risuonano nella grotta e riempiono di pietà i pescatori.

Condividi questo articolo:

Prossimi eventi

0razio Lembo . 22 Novembre 2012
In occasione del Natale 2012 torna puntuale "Mercatoinfesta", Mostra Mercato di artigianato e di sap...
0razio Lembo . 22 Novembre 2012
La Sagra del Fagiolo fa emergere dal passato le antiche taverne e con esse i personaggi caratteristi...
0razio Lembo . 22 Novembre 2012
Lungo le vie del suggestivo centro storico di Perito, un unico e intenso profumo di pietanze tipiche...
0razio Lembo . 11 Giugno 2012
La Transmarathon è una corsa estrema a tappe sui sentieri e sulle strade del Parco Nazionale del ...
0razio Lembo . 11 Giugno 2012
Durante la seconda guerra mondiale, tra il 28 ed il 29 marzo 1941 nelle acque a sud del Peloponneso,...