La Primula Palinuri - il fiore simbolo del Parco Nazionale del Cilento e del Vallo di Diano
Il logo del Parco Nazionale del Cilento e del Vallo di Diano
begonia

Il territorio del Parco Nazionale del CilentoLe aree protette del Parco Nazionale del CilentoI musei del Parco Nazionale del CilentoSiti Archeologici del Parco Nazionale del Cilento e del Vallo di DianoItinerari del Parco nazionale del CilentoFlora del Parco Nazionale del CilentoFauna del Parco Nazionale del CilentoFigli e ospiti illustri del CilentoStoria del Parco Nazionale del CilentoMiti e leggende del Parco nazionale del CilentoProdotti tipici del CilentoRicette del CilentoTradizioni del Parco Nazionale del Cilento

Ghiandaia

 

ghiandaia

 

Ordine: Passeriformi


Famiglia: Corvidi


Genere: Garrulus


Specie:  Garrulus glandarius

 

Caratteristiche

 


La ghiandaia (Garrulus glandarius), lunga circa 34 cm, ha un piumaggio bruno-rosato con coda nera, ali nere con una macchia bianca e una azzurra, e lunghe piume erettili striate di bianco e di nero sul capo. Sia il maschio che la femmina possono raggiungere un peso massimo di circa 192 grammi.


E' dotata di un becco più corto della testa, piuttosto grosso e leggermente uncinato all'apice.


E' un uccello irrequieto, fra i rami si muove con una notevole agilità, ha un forte timore degli uccelli rapaci, i quali non hanno difficoltà a prenderlo allorché si trova a volare in luoghi aperti.

Voce


La ghiandaia ha una notevole capacità imitativa e spesso, oltre al suo normale grido che è un acuto e poco gradevole "ree ree", miagola come un gatto ed imita il verso della poiana.

 

Diffusione


La ghiandaia è diffusa in tutta l'Europa e nidifica anche nell'Asia Minore ed in gran parte dell'Asia centrale e orientale.


In Italia è stazionaria, talora di passo, e presente in tutta la penisola.


In Campania è presente nel Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano.

 

Habitat


La ghiandaia trascorre tutta la vita tra le fronde degli alberi, ed in particolare sulle querce con sottobosco e sulle conifere. Molto di rado si avventura sui terreni aperti, sempre che questi siano vicino ai boschi.

 

Riproduzione


Le coppie si formano in primavera e si accingono alla costruzione del nido, mai troppo in alto sugli alberi. L'interno del nido viene rivestito di piccole e morbide radici e vi vengono deposte, tra aprile e maggio, da 5 a 6 uova bianco-giallognole o verde-biancastre, macchiate di bruno.


I piccoli nascono dopo sedici giorni e ne occorrono altri venti perché abbandonino il nido.

 

Alimentazione


La ghiandaia è onnivora e oltre a ghiande, faggiole, castagne, nocciole, frutta e bacche, divora senza pietà uova e nidiacei. Inoltre cattura tutti gli animali di piccola taglia, compresi i roditori, gli insetti e le lucertole.


Nella sua dieta sono comprese nocciole selvatiche, ghiande e bacche.

 

Legislazione

 


Anche la ghiandaia è protetta in Italia ed è vietata la detenzione e la vendita dei soggetti non anellati e sprovvisti di certificato di nascita in cattività.


Bibliografia


AA.VV. - Rassegna completa degli uccelli d'Europa, Rizzoli, Milano 1972;


AA.VV. - Il mondo degli animali, Rizzoli, Milano 1970;

 

 

Condividi questo articolo:

Prossimi eventi

0razio Lembo . 22 Novembre 2012
In occasione del Natale 2012 torna puntuale "Mercatoinfesta", Mostra Mercato di artigianato e di sap...
0razio Lembo . 22 Novembre 2012
La Sagra del Fagiolo fa emergere dal passato le antiche taverne e con esse i personaggi caratteristi...
0razio Lembo . 22 Novembre 2012
Lungo le vie del suggestivo centro storico di Perito, un unico e intenso profumo di pietanze tipiche...
0razio Lembo . 11 Giugno 2012
La Transmarathon è una corsa estrema a tappe sui sentieri e sulle strade del Parco Nazionale del ...
0razio Lembo . 11 Giugno 2012
Durante la seconda guerra mondiale, tra il 28 ed il 29 marzo 1941 nelle acque a sud del Peloponneso,...